sabato 4 dicembre 2021, ore
HOME
INTER - Marotta: "Abbiamo attraversato mesi difficili ma siamo in crescita, vogliamo centrare gli ottavi di Champions"
24.11.2021 18:44

L’amministratore delegato dell’Inter Giuseppe Marotta ha parlato ai microfoni di Sky Sport nel pre partita di Inter-Shakhtar Donetsk.

 

Su Darmian e Perisic

 

Ci aspettavamo un percorso di crescita, lo è stato in questo periodo, sono giocatori maturi, esperti che sanno vivere le partite nel modo giusto, e di conseguenza non è nulla di straordinario, a mio giudizio si tratta di prestazioni di due giocatori importanti.

 

Sulla partita

 

Sicuramente è il primo obiettivo stagionale, obiettivo che vogliamo cogliere anche se siamo consapevoli del valore dell’avversario. Ho notato sabato una grande livello di concentrazione, di maturità, di gioco. Io credo sia il momento giusto per centrare questo obiettivo che manca a noi da tanti anni.

 

Sui rinnovi

 

Noi siamo consapevoli di offrire ai nostri calciatori un club appetibile per tanti altri colleghi, sappiamo che l’Inter ha una storia da rispettare, ha un palmares ricco di successi. Tutti questi sono ingredienti non facilmente trovabili negli altri club, è una chiave di lettura che i nostri giocatori hanno capito e interpretato. Sono ottimista su questi rinnovi, abbiamo fatto con Barella e Lautaro e credo che proseguiremo anche con gli altri.

 

Con due inserimenti giusti, potete essere la squadra che può dominare il campionato per qualche anno (da Fabio Capello, in studio)

 

Questo ciclo è iniziato con Conte e ora prosegue con Inzaghi, abbiamo notato una crescita di consapevolezza e di maturità delle proprie capacità a livello nazionale ed europeo, questo è l’aspetto più rilevante.

 

Nella tua lunga carriera dirigenziale, questa è stata la stagione dove ti sei dovuto assumere più responsabilità (da Paolo Condò, in studio)

 

Questa estate abbiamo attraversato mesi difficili. Lo abbiamo fatto avendo la consapevolezza che alle spalle c’era una proprietà che ci garantiva, insieme ai miei collaboratori, ad Ausilio, Baccin, ad Inzaghi, allenatore giovane, coraggioso e determinato che ci ha poi dato la possibilità di comporre una rosa che sta rispondendo alle nostre aspettative. Nel calcio non si inventa nulla, non sempre l’equazione  più spendi più vinci, ci vuole professionalità, cultura del lavoro e questi sono i valori che ti danno la possibilità di proseguire bene.

 

E autostima?

 

Non l’ho pronunciata perché siamo davanti a dei giocatori maturi che devono sapere di avere delle capacità per poter affrontare un tipo di avversario in campionato e anche in questa che è la competizione  più bella e prestigiosa del mondo, a mio avviso.

ULTIMISSIME HOME
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>